Si può fare?

di Assunta Viteritti.

montecitorioSe accade significa che si può fare. Che il PD, dato vincitore da prima del Monti tecnico (e non vincitore nonostante primo partito alle elezioni) resti impantanato e rimanga in stallo, congelato, ibernato, non-morto in azoto liquido da riportare forse a temperatura ambiente quanto prima, ma anche no, anzi no: se è accaduto allora si può fare. Che quasi nove milioni di voti (che non sono di sinistra, che non sono di destra, che non sono per un partito) portano 163 nuovi eletti nei palazzi della capitale (che non vogliono essere detti senatori e deputati ma solo cittadini…) che costringono a fare i conti con il futuro e con il passato producendo un effetto conturbante in Parlamento (e non solo), se accade vuol dire che si può fare. elvisChe Berlusconi (clone post-moderno di una democrazia vilipesa) sia acclamato come Elvis Presley (dovrebbe però allungarsi un poco di più i capelli, osare di più insomma) da palchi bianchi e azzurri con distese di anziane signore truccate e festanti che insieme a Silvio vivono giovinezze inattese, se accade si può fare. Intanto i 5stelle dettano dal blog del capo l’agenda politica (ed economica) nazionale mentre gli altri sono lì depressi perché quelli non li vogliono e quegli altri ancora sono (quasi) in euforica attesa perché che si faccia o no il governo loro ne beneficeranno comunque, si, si può fare.
Che intanto aumentano i poveri, i disoccupati, lo spread, i cervelli in fuga, gli evasori, se accade si, si può fare. Che un vegliardo uomo di 87 anni sia acclamato come il più lucido, capace di soluzioni ancora percorribili che salvino la faccia e il culo di tutti, si può fare? Oggi Napo ha fatto un gioco di prestigio che i maligni potranno dire gattopardesco ma che io giudico di grande valore simbolico per salvare la faccia (e anche il resto) di questo paese di persone emotive (che se sono nella ragione usano il torto e se nel torto lo usano ingannevolmente con ragione). parlamentoNapo ha dato pieno potere (ordinario si intende) al governo ancora in carica (che faccia quanto ancora di importante può fare), ha deciso di usare i suoi fino all’ultimo giorno, nominerà due commissioni che trasformino in progetti politici le istanze di cambiamento (certo molto dipenderà dai nomi che sceglierà, anche le diversità contano). Grillo non sarà contento, Bersani non sarà contento, Silvio non sarà contento, e forse neanche Monti (che già si sentiva licenziato). Tutti scontenti, meglio così. Le istituzioni per cambiare hanno bisogno di raffreddare istanze perché diventino decisioni e cultura pubblica. Napo, con calore, raffredda le contrapposizioni e mette ognuno al suo posto. Il gioco ha bisogno di regole, ogni gioco, solo così si può fare. Le regole sono pedagogiche e Napo a 87 anni si può permettere di fare della pedagogia istituzionale.
Il cambiamento è lento e quasi impossibile (è come una conversione, una psicoterapia, come un viaggio, sempre a rischio di ricaduta, come con gli alcolisti anonimi…) soprattutto se il malessere viene da lontano il più delle volte non è detto che riesca, anche quando lo si vuole con forza. Siamo con le braccia nel nuovo e la testa nel vecchio, con i piedi siamo in bilico nel nulla anche se con gli occhi vediamo radure dove (forse) poter approdare (senza sapere bene come arrivarci). cassandraE’ stata evocata la tragedia greca e trattandosi di faccende in cui è implicata una Cassandra (nelle vesti del grillo parlante) che predice la distruzione di Troia…non è del tutto fuori luogo. Siamo artefici e testimoni di troppe antinomie, italiani allo sbando ma anche italiani anticipatori di cambiamenti dolorosi e liberatori. Ora siamo nel dormiveglia, quel momento bellissimo o pauroso, quando i sogni sono ancora ben presenti (o sembra ci sfuggono), quando siamo su quella soglia in cui, piano piano, riprendiamo contatto con la cosiddetta realtà che ci allontana dagli incubi o dai desideri.

Si può fare, di Angelo Branduardi

Figli delle stelle, Alan Sorrenti

//

//

Annunci

Comments

  1. Rocco Barbaro says:

    Ai cinque stelle le decisioni di Napolitano vanno più che bene… fuori dalle logiche di scambio dei partiti (a mollo nelle infinite clientele e nella burocrazia del nostro paese).
    Cara Amica, intervengo sulle tue riflessioni perché ti stimo. Sono veramente penose le accuse di tutti i mali Italiani ai grillini sui mass media da parte di tutti questi pseudointellettuali di sinistra (ignoranti allo sbaraglio, un paese dove il 50/% delle persone non legge un libro all’anno) che hanno costruito le loro carriere di cartapesta grazie al partito. infatti, i grillini sono venti anni che sono al governo incollati alle poltrone e sono riusciti a risolvere i problemi della mafia, della disoccupazione, della mobilità sociale, del nepotismo, della corruzione, della euguglianza di opportunità e nessuno se ne accorto e continua ad attacarli! La solita irriconoscenza italica… O forse le oligarghie quando si vedono perdere il terreno sotto i piedi reagiscono per non perdere le loro colonie economiche e culturali?

    Buona Pasqua Rocco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: